venerdì 30 gennaio 2015

Sporting, prosegue la fuga targata Desioparecidos.

Desioparecidos sempre più soli. Con un’altra brillante vittoria, l’ennesima di una stagione che dopo quattro mesi la vede ancora a punteggio pieno, la capolista della Sporting League ha raggiunto quota 27 punti in classifica. A fare le spese della superiorità dei Desioparecidos questa volta sono stati gli Azzurri 2004, a cui il gol della bandiera è servito quale magra consolazione ma non ha arrestato l’impeto degli avversari: Alberto Fruggiero, Matteo Nasuti, Matteo Selvarolo, Andrea Carlucci e Domenico Buonanno hanno tutti timbrato il cartellino, fissando il punteggio conclusivo sul 5 – 1, un risultato che non ha lasciato spazio al minimo dubbio circa la superiorità della capolista.
Seppur notevolmente distanziata (-8), ha replicato all’acuto la Terra delle Tradizioni, che era attesa da un match insidioso contro i Goodfellas e ha confermato la sua autorevole candidatura in chiave playoff. Gaetano Palmiotta con la sua doppietta personale ha provato a tenere in vita i suoi fino all’ultimo, ma alla fine la Terra si è imposta per 6 – 4 con le doppiette di Tomas Noto e Alessandro Zanella. Questo successo consente alla Terra delle Tradizioni di spedire a 9 punti di distanza i rivali, che con questa sconfitta dicono probabilmente addio alla lotta per i playoff.
Hanno provato a guadagnare terreno anche l’SOS Refund e i Galacticos, autori di un sontuoso percorso in Coppa di Lega che li ha visti chinare la testa solamente in finale contro l’Iceberg. Le due contendenti tuttavia si sono stoppate a vicenda, impattando su un 5 – 5 che comunque può accontentare entrambe. L’SOS ha provato a fuggire con la tripla calata da Roberto Folatti, ma è stato raggiunto anche grazie ai due centri personali di Samuele D’Ambra.
L’ultimo match in programma era quello tra i fanalini di coda, i Senza Nome e il Mambo Number Five. Per quest’ultimo non poteva esserci inizio di 2015 migliore, visto che il nuovo anno ha portato in dote la prima agognata vittoria in campionato. Successo che peraltro è maturato in maniera assolutamente netta, 7 – 3, complice la prestazione monstre di Marco Amendola, quattro gol e autentico trascinatore dei suoi. Con questi tre punti il Mambo sale a 4 in classifica, portandosi a due sole lunghezze proprio dai Senza Nome, che ora iniziano a sentire il fiato sul collo.
Vi ricordiamo il nostro sito www.brianzatornei.it

Classifica: Desioparecidos 27; Terra delle Tradizioni 19; SOS Refund, Galacticos 17; Goodfellas 10; Azzurri 2004 9; Banca Generali Team 7; I Senza Nome 6; Mambo Number Five 4.

giovedì 29 gennaio 2015

La Coppa di Lega consacra l'Iceberg campione!

L’Iceberg c’è, le rivali sono avvisate. Con una prestazione autorevole e a tratti anche autoritaria la compagine campione d’Italia ha fatto suo il primo trofeo ufficiale del 2015, portandosi a casa la Coppa di Lega. Nell’attesa finalissima la banda Seruggia ha avuto la meglio dei Galacticos grazie al punteggio di 7 – 3 e alle prodezze dei suoi migliori giocatori.
Con questa vittoria l’Iceberg si è preso la definitiva rivincita dopo lo smacco del sorpasso patito per mano dei Dissidenti nella Friday Sporting League, e ha ribadito a chi sperava in un suo indebolimento causato dal contraccolpo psicologico di essere tutt’ora la squadra da battere a livello provinciale e non solo.
Per l’Iceberg la vittoria in finale ha rappresentato solamente il culmine di un percorso irto di insidie ma partito in discesa, che ha visto i campioni superare agevolmente la Terra delle Tradizioni nel primo turno e la ST Meccanica negli ottavi. Come spesso accade il bello è venuto cammin facendo: nei quarti di finale l’Autofficina D’Uonno, che sembrava destinata a diventare l’ennesimo scalpo della collezione dell’Iceberg, ha creato mille difficoltà ai futuri vincitori, che sono riusciti a salvarsi solamente per il rotto della cuffia con una risicata vittoria per 8 – 6.
In semifinale la partita più attesa dell’intera competizione, la grande rivincita contro i Dissidenti, che partivano galvanizzati dall’aver già battuto l’Iceberg in campionato, con annesso sorpasso in vetta. In questa circostanza però il match si è concluso in parità, 3 – 3, e solamente dopo una sfilza di tiri dal dischetto la sua maggior precisione ha condotto l’Iceberg dritto alla finalissima.
Per i Galacticos, sconfitti solamente nell’ultimo atto, non ci sarà la coppa in bacheca, ma aumenta sensibilmente la consapevolezza nei propri mezzi. Al momento i galattici si trovano al terzo posto nella Sporting League in coabitazione con l’SOS Refund, a due sole lunghezze dalla Terra delle Tradizioni. Pur sembrando ormai i Desioparecidos irraggiungibili al primo posto (+9 sulla seconda) resta apertissima la lotta palyoff. In quest’ottica i Galacticos potranno ripartire rinfrancati nel loro assalto ad un posto per gli spareggi provinciali, che in primavera assegneranno il titolo di Campione della Brianza: adesso i galattici sanno che se la possono davvero giocare con chiunque, e il sogno di diventare campioni non sembra così irrealizzabile.

domenica 25 gennaio 2015

Iceberg - Galacticos: sarà una finale da brividi!!

La vendetta è servita. Nelle semifinali di Coppa di Lega l’Iceberg aveva la ghiottissima occasione di riscattare almeno parzialmente il ko subito in campionato per mano dei Dissidenti, ed è riuscito nell’impresa. Ancora una volta le due squadre, fra le migliori in assoluto nel panorama provinciale, hanno dato vita ad una spettacolare altalena di emozioni che ha visto i tempi regolamentari chiudersi sul 3 – 3. Nemmeno i supplementari sono bastati per decretare il vincitore, con le due squadre che hanno dovuto regolare definitivamente i conti nel duello dei penalties.
Dopo una serie di conclusioni dal dischetto che non sembrava avere fine, sono stati i Seruggia boys ad avere la meglio, con il punteggio di 12 – 11. Per l’Iceberg si spalancano dunque le porte della finalissima, l’ennesima per i Campioni d’Italia in carica che negli ultimi 18 mesi hanno fatto incetta di coppe e campionati. Per i Dissidenti rimane comunque la consapevolezza di essersela giocata ancora una volta alla pari, e di avere quindi tutte le carte in regola per concludere la regular season davanti ai rivali.
Nell’altra semifinale, i Galacticos sono riusciti a sovvertire tutti i pronostici della vigilia e hanno sconfitto i Desioparecidos, primi nella Sporting League di Desio, guadagnando così l’accesso all’ultimo atto del torneo che li vedrà contendere il 27 Gennaio alle 21:30 il trofeo all’Iceberg.
Per i galattici la vittoria è stata di 7 – 4, a coronamento di un percorso che finora li ha visti eliminare Team Feree, SOS Refund e Senza Nome. A questi si è ora aggiunto il più prestigioso di tutti gli scalpi ottenuti finora. Si è interrotta così sul più bello la corsa dei Desioparecidos, che sembravano destinati a contendere il titolo ai Campioni d’Italia e invece dovranno ripartire fra una settimana nella difesa del loro primato nella Sporting League.
Non resta ora che aspettare l’agognato verdetto, nell’attesa di capire se i Galacticos avranno la forza di contrastare con successo l’onda d’urto dell’Iceberg, che parte coi favori del pronostico. Il calcio tuttavia è bello proprio perché a volte i pronostici vengono smentiti, come del resto i galattici hanno già fatto in queste semifinali.

venerdì 23 gennaio 2015

Coppa di Lega, ci siamo: spettacolo nei quarti, al via le semifinali!

Le big volano in Coppa di Lega. La competizione è ormai entrata nella sua fase decisiva, e dopo aver applaudito rivelazioni come Dream Team e Senza Nome che nei turni precedenti erano riuscite ad eliminare squadre ben più quotate, nei quarti di finali i top team hanno finalmente gettato la maschera.
I Dissidenti, dopo aver scalzato l'Iceberg dal suo piedistallo a Desio, hanno tutta l'intenzione di concedere il bis in coppa. Il perentorio 13 – 1 con cui è stata schiacciata la Dinamo Park è un avviso chiarissimo alla banda Seruggia: i Dissidenti fanno sul serio. L'Iceberg campione d'Italia in carica non è comunque rimasto a guardare, ha fatto il suo dovere (anche se con qualche patema di troppo) sconfiggendo 8 – 6 l'Autofficina D'Uonno e si è guadagnato il pass per le semifinali. Dove, ancora una volta, sarà Iceberg – Dissidenti, ennesimo capitolo di una sfida che ormai sta assumendo i contorni di una saga epica capace di infiammare la Brianza.
Non si tratterà in ogni caso di una finale anticipata, perchè anche dall'altra parte del tabellone le contendenti sono più che mai agguerrite. I Desioparecidos, forti del primato nella Sporting League, hanno strapazzato 11 – 5 la cenerentola Dream Team, che chiude comunque la sua aventura a testa altissima e guadagna molte certezze in vista del girone di ritorno in campionato. Ad avanzare fra le migliori quattro sono però i Desioparecidos, che hanno fatto valere il loro maggior tasso tecnico imponendo agli avversari 6 reti di parziale.
La sfida che ora attenderà la capolista della Sporting non sarà comunque delle più semplici: di fronte infatti si troverà i Galacticos, una delle migliori squadre del panorama provinciale, che arriva all'appuntamento con una vittoria meno pirotecnica (3 – 1) ma ugualmente pesante. A inchinarsi, non senza essersela giocata fino in fondo, i Senza Nome, che malgrado una strenua resistenza alla fine si sono dovuti arrendere.

Fari puntati adesso sulle semifinali, che si giocheranno proprio questa sera alle 23:00 allo Sporting Club di Desio. Dalla doppia sfida Galacticos – Desioparecidos e Iceberg – Dissidenti usciranno i nomi delle due finaliste, che avranno una settimana di tempo per preparare la finalissima, in programma il prossimo 27 Gennaio. Manca pochissimo all'assegnazione del primo titolo stagionale, e per le big è giunto il momento di estrarre gli artigli!

martedì 20 gennaio 2015

In Coppa di Lega ruggiscono le big.

I campionati sono ancora fermi, ma non si sono fermate con loro le emozioni. Il 2015 targato Brianza Tornei ha preso il via con la Coppa di Lega, che ha finora visto le squadre di tutti i gironi del Campionato provinciali sfidarsi in gara secca prima nei sedicesimi e poi negli ottavi di finale.
Per poter accedere alla ristretta cerchia delle migliori otto, le squadre che più si erano messe in luce nel girone d’andata dei vari gironi provinciali erano dunque chiamate ad un doppio incrocio da dentro o fuori. Ciò non è stato comunque un problema per l’Iceberg, capolista nei gironi di Lentate e Monza e secondo in uno dei due di Desio: per i campioni d’Italia in carica gli impegni contro la Terra delle Tradizioni (8 – 1) e ST Meccanica (7 – 1) si sono rivelati null’altro che una formalità.
A far compagnia alla banda Seruggia non poteva certo mancare lo spauracchio dell’Iceberg, l’unica compagine capace di metterlo in difficoltà, sconfiggerlo nello scontro diretto e costringerlo ad inseguire nel proprio girone: i Dissidenti. La capolista della Friday Sporting, dopo aver avuto vita facile contro la Pizzeria Corte Grande Lipomo, ha sudato ben oltre le proverbiali sette camicie per riuscire ad avere la meglio dell’AC Saldema. Nel match valido per gli ottavi di finale i campioni uscenti di Lentate hanno chinato il capo solamente dopo i calci di rigore (7 – 5), al termine di uno dei match più combattuti che si sono visti finora.
A far buona compagnia alle due favorite per la vittoria finale ci sono poi le due dominatrici della Sporting League: i Desioparecidos, che negli ottavi hanno inflitto una cocente umiliazione al Sorgenia (11 – 1), che pure partiva con l’ambizione di arrivare in fondo. E i Galacticos, che a Desio sono secondi ma in coppa promettono battaglia: 9 reti al Team Feree e 3 all’SOS Refund, senza subirne nemmeno una.
Ottime prestazioni fin qui anche per l’Autofficina d’Uonno, che è terza a Lentate e ha ottenuto nei primi due turni vittorie nette e convincenti contro gli Imbruttiti (addirittura 15 – 2) e Il Mambo Number Five (vittoria molto più risicata, 2 – 3, ma ugualmente preziosa.
Non sono mancate le sorprese, anche clamorose, come nel caso della Dinamo Park che pur essendo ultima con appena 3 punti in Friday Sporting League, in Coppa ha vissuto una metamorfosi che l’ha vista sbarazzarsi prima degli Sharks (6 – 0) e poi dell’SB Painting (6 – 1). Il prossimo impegno contro i Dissidenti sembra davvero proibitivo, ma sognare non costa nulla.
A chiudere la lista delle otto migliori di coppa ci sono i Senza Nome (anche per loro è una bella impresa, considerando il penultimo posto in Sporting con due sole vittorie) e l’Autofficina D’Uonno.
A partire da adesso però la coppa entra nel vivo, le big si scontreranno fra loro e solamente chi dimostrerà di possedere maggior carattere e voglia di vincere riuscirà a qualificarsi per le semifinali e, chissà, per la finalissima!